Informativa:

F.I.V.L. Federazione Italiana Volontari della Libertà (Ente Morale D.P.R. 16-04-1948 n. 430) usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra privacy policy alla voce cookies.

Quattro partigiani combattenti …
10 settembre 2013

Tre partigiani che erano presenti a Granezza nei tragici giorni della battaglia, ai primi del settembre 1944, hanno portato la loro testimonianza ai numerosi presenti a Malga Granezzetta, al termine della Cerimonia di Commemorazione, tenutasi a Granezza di domenica 1 settembre. Si tratta di Attilio Dal Cengio, Domenico Castello ed Attilio Crestani; ai loro racconti si è aggiunta la voce dell’ing. Aldo Tognana, che ha parlato della liberazione di Treviso nell’aprile 1945; la loro partecipazione ha dato ulteriore spessore ed interesse alla seconda parte del pomeriggio, caratterizzata dalla presentazione di alcuni video e documentari: il primo, tratto dal film “I piccoli maestri”, raccontava della vita e delle speranze dei giovani partigiani dell’Altopiano; il secondo, realizzato da una classe del Liceo Brocchi di Bassano, era costruito su un significativo parallelo tra le vicende dell’estate 1944 ed alcuni episodi di attualità; l’ultimo, realizzato dal regista Giuseppe Taffarel nel 1962, raccontava della vita di fame e di stenti dei genitori di un impiccato a Bassano.

La ricca serie di appuntamenti del pomeriggio ha fatto seguito ad un’altrettanto ricca mattinata che, nella commemorazione del 69° anniversario della battaglia di Granezza, ha visto gli interventi dei sindaci di Lusiana, Antonella Corradin; di Lugo, Robertino Cappozzo e di Asiago, Andrea Gios, che ha tenuto l’orazione ufficiale, molto esplicita ed apprezzata.. Erano presenti con proprie rappresentanze anche i Comuni di Valdagno, Schio, Thiene, Marostica, Conco, Sarcedo, Zanè, Chiuppano, Calvene, Roana, Lusiana, Pianezze, Salcedo, Gallio, Fara e Rotzo, nonchè le città Medaglia d’Oro Vicenza e Bassano. In una mostra, curata da Romeo Covolo e allestita in uno spazio adiacente al sacello votivo di Granezza, sono stati esposti rilevamenti fotografici dei luoghi, delle formazioni e degli uomini oggetto del rastrellamento del 6-7 settembre 1944. Come sempre, ampia e qualificata la partecipazione popolare alla cerimonia.