Informativa:

F.I.V.L. Federazione Italiana Volontari della Libertà (Ente Morale D.P.R. 16-04-1948 n. 430) usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra privacy policy alla voce cookies.

Storia

Dopo la fine della seconda guerra mondiale venne costituita l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA, alla quale potevano e possono far parte ed iscriversi partigiani, patrioti, combattenti regolari della campagna di liberazione o reduci dalla deportazione.

Nel febbraio del 1948 , durante il drammatico congresso dell’A.N.P.I., i partigiani che avevano militato nelle formazioni autonome ed in quelle cattoliche si dissociarono ufficialmente dall’A.N.P.I.

Il motivo principale fu la politica estera: sostegno del Patto Atlantico, della Nato e contro le rivendicazioni della Jugoslavia nel Friuli Venezia Giulia da parte della FIVL, solidarietà alla Russia, al Patto dl Varsavia ed appoggio alle richieste della Jugoslavia di Tito al Confine Orientale.

Il 22 Marzo 1948, nei locali dell’istituto San Carlo di Milano e davanti all’avvocato Giuseppe Galizia, fu stipulato l’atto costituivo della Federazione Italiana Volontari Libertà.

Primo presidente venne nominato il Generale Raffele Cadorna, già comandante del Corpo Volontari della Libertà. La prima sede è stata Milano poi Roma ed oggi la sede operativa è a Voghera (PV), dove si riuniscono la Giunta e il Consiglio Federale.
Con D.P.R. n. 430 del 16 aprile 1948 la FIVL ò stata riconosciuta Ente Morale. La FIVL è apolitica ed apartitica. Possono far parte le Associazioni legalmente costituite fra partigiani , patrioti, combattenti regolari della campagna di liberazione e reduci dalle deportazioni, aventi uno statuto non contrastatane con quello della Federazione.

La FIVL ha lo scopo di salvaguardare Io spirito della Resistenza valorizzandone il patrimonio morale, mantenendo fede agli ideali di indipendenza, libertà democratica e di civiltà propugnati nella lotta di liberazione glorificare i Caduti nella Lotta di liberazione ed esternare la memoria, prestando opera di Assistenza morale e materiale ai loro congiunti e familiari svolgere e potenziare tutte le attività di carattere assistenziale utili e necessarie alla tutela degli interessi dei Volontari della Libertà promuovere a tal fine centri culturali e di ritrovo intesi a rinsaldare il senso di fraterna solidarietà tra i Volontari della Libertà.

Sono organi della Federazione:

  • il Consiglio Federale
  • la Giunta esecutiva
  • il Presidente
  • i Vice presidenti
  • il collegio dei Sindaci

Il Consiglio Federale è composto da due delegati di ogni associazione aderente alla FIVL

I presidenti della FIVL sono stati:

  • Gen. Raffaele Cadorna
  • Enrico Mattei
  • Gen. Mario Argenton
  • Aurelio Ferrando
  • il Senatore a vita Paolo Emilio Taviani.

Oggi il presidente è il Rag. Guido De Carli. Il Segretario Generale è il Cav. Giuseppe Tizzoni della sede operativa dl Voghera.