Informativa:

F.I.V.L. Federazione Italiana Volontari della Libertà (Ente Morale D.P.R. 16-04-1948 n. 430) usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra privacy policy alla voce cookies.

La storia di Aldo Gastaldi (Bisagno)

Quella di Aldo Gastaldi, nome di battaglia “Bisagno”, è una storia luminosa, tragica ed edificante insieme.
A Genova è considerato, come dice la targa della via cittadina a lui dedicata, «primo partigiano d’Italia», ma nel resto del Paese è poco conosciuto. Troppo poco. È vero, Giorgio Bocca lo cita di sfuggita nella sua Storia dell’Italia partigiana del 1966, giusto per mettere in luce che era uno dei primi leader partigiani, ma “borghese” e non comunista. Giampaolo Pansa ne parla invece in diversi suoi libri, soprattutto in Bella ciao, soffermandosi soprattutto sulla sua morte repentina e sospetta dopo la Liberazione. «Un ragazzo dell’oratorio con lo Sten», lo definisce. Luciano Garibaldi lo mette fra I giusti del 25 aprile, come dice il titolo di un suo libro.