Informativa:

F.I.V.L. Federazione Italiana Volontari della Libertà (Ente Morale D.P.R. 16-04-1948 n. 430) usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra privacy policy alla voce cookies.

Un savonese finalista al Premio letterario “Pannunzio”

Con il volume “La fiamma che arde nel cuore”, pubblicato dalla Federazione Italiana Volontari della Libertà.

Savona. Nella sala delle conferenze del Collegio San Giuseppe, a Torino, si è la cerimonia delle premiazioni del Concorso pluridisciplinare “Mario Pannunzio” – 2015.

Il Concorso, rivolto a personalità italiane della cultura, del giornalismo e dell’arte che si siano distinte per il loro spirito libero, è giunto alla XXXVII edizione ed è organizzato Centro “Pannunzio”, un’associazione fondata a Torino nel 1968 da Arrigo Olivetti e Mario Soldati, che, secondo la tradizione del “Mondo” di Mario Pannunzio, propugna una visione non élitaria della cultura.

Fra i finalisti un savonese, l’ingegner Antonio Rossello, con il volume “La fiamma che arde nel cuore”, pubblicato dalla Federazione Italiana Volontari della Libertà ( http://trucioli.it/2014/12/16/savona-la-fiamma-che-arde-nel-cuore/ ), nella Sezione E – opere di poesia, narrativa, saggistica e giornalismo dedicate alla Grande guerra (1914-1918), alla II Guerra Mondiale (1939-1945) ed alla Resistenza. Anche nel 2013 Rossello si era classificato al Concorso “Pannunzio” con il romanzo “Ombre e colori” edito da Divinafollia (http://www.ibs.it/code/9788898486052/rossello-antonio/ombre-colori.html ).
La giuria è stata presieduta dal Prof. Pier Franco Quaglieni, storico contemporaneista.