Al Sacrario di Bastia di Mondovì, la cerimonia a ricordo dei partigiani di Martini Mauri

Partecipata cerimonia la mattina di sabato 25 maggio, nel ricordo dei mille partigiani caduti nelle Alpi del Monregalese e nelle Langhe, appartenenti ai reparti autonomi del magg. Enrico Martini Mauri. Presente una folta delegazione dell’Associazione Partigiani Osoppo-Friuli ed i componenti della Giunta della F.I.V.L. guidati dal presidente Francesco Tessarolo, la Cerimonia ha avuto inizio con il saluto del sindaco, Paolo Crosetti, e la santa messa. L’orazione ufficiale è stata tenuta da Carlo Scotti, vice presidente della F.I.V.L., che si è soffermato sul significato della libertà e sulle figure di giovani e giovanissimi che hanno partecipato alla Resistenza, in particolare la Medaglia d’Oro al V.M. Franco Centro, nato a Bastia Mondovì (Cuneo) il 9 novembre 1930 e fucilato a Benevello (Cuneo) il 15 febbraio 1945.

Sono stati ricordati anche il combattente per la Libertà, di recente scomparso, Carluccio Dalmasso e la staffetta partigiana Maria Manzone Beccaria, vedova del partigiano Vittorio Beccaria e molto legata alla figura del Mario Bogliolo, il Vice Comandante delle formazioni autonome del maggiore Mauri, di cui era stata collaboratrice. Entrambi hanno animato per anni le cerimonie al Sacrario di San Bernardo, di recente restaurato dal Comune, anche con l’aiuto della F.I.V.L..

La staffetta partigiana Maria Manzone Beccaria

A conclusione della cerimonia, si è tenuta la premiazione del concorso studentesco sulla Resistenza, promosso dal Comune di Bastia, dalla Fivl, da Onor Caduti, dall’onlus “Cordero di Montezemolo”, e sostenuto da Enti, Associazioni, studiosi. Nel ricordo dei mille partigiani caduti in Langa, sono stati premiati elaborati di grande qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 5 =