Informativa:

F.I.V.L. Federazione Italiana Volontari della Libertà (Ente Morale D.P.R. 16-04-1948 n. 430) usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web.
Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies.
Per ulteriori informazioni si rimanda alla nostra privacy policy alla voce cookies.

Assoc. Volontari della Libertà Verona
Cerimonia di intitolazione per i Giardini Pubblici a Verona

Sabato 15 ottobre scorso, con una Cerimonia ristretta quanto commovente, i nuovi Giardini dell'Arsenale di Verona sono stati intitolati all'ONOREVOLE ALESSANDRO CANESTRARI, Partigiano, Deputato della Repubblica per quattro legislature, e a lungo Presidente dell'Associazione Volontari della Libertà di Verona.

Dopo il saluto del rappresentante dell'Amministrazione Comunale, l'on. Enzo Erminero, collega parlamentare di Canestrari, ne ha tracciato il profilo di Uomo delle Isttuzioni, impegnato perché anche tutti i membri del Parlamento si sentissero sempre obbligati e presenti a servizio dei cittadini e della Patria.

E' seguito il ricordo, da parte della figlia Fiorenza, del Canestrari 'padre'. Che volle inculcare nel cuore e nell'anima dei figli i valori della libertà, della pace e della solidarietà: ha lasciato un testamento "Neanche una briciola di pane è tanto piccola da non poter essere divisa con chi ne ha bisogno".

Successivamente il Presidente A.V.L. di Verona (cav. uff. Antonio Rettondini) ha ricordato Canestrari combattente nella guerra di Liberazione, deputato per quasi vent'anni, fulgido esempio di devozione alla Patria, politico ligio al dovere, uomo di grande umanità e disponibilità. Per i Volontari della Libertà, uomo coraggioso, leale e determinato; amava ripetere. "E' nostro sacrosanto dovere difendere la nostra Patria e la nostra Libertà per rispetto di chi ha combattuto e sacrificato la vita perché noi fossimo donne e uomini liberi"

Prima della benedizione della targa marmorea scoperta, don Roberto Oberosler ha sottolineato l'appropriata colocazione della lapide-ricordo: in un luogo frequentato da grandi e piccoli, perché i primi onorino l'impegno dei Padri fondatori e i secondi ne seguano l'esempio.

Angelo Granuzzo - AVL Verona

Verona 26.10.2016